Come usiamo i suoi dati

In qualità di titolare del trattamento, La informiamo che per concederLe il finanziamento richiesto, utilizziamo alcuni dati che La riguardano. Si tratta di informazioni che Lei stesso ci fornisce o che otteniamo consultando alcune banche dati. 

Tali banche dati (Sistemi di informazioni creditizie o SIC) contenenti informazioni sulla regolarità dei pagamenti e consultate per valutare l'affidabilità ed il rischio creditizio, sono gestite da privati e accessibili e/o partecipate da soggetti privati appartenenti alle categorie che troverà nelle informative fornite dai gestori dei SIC di seguito indicati. 

Queste informazioni saranno conservate presso di noi; alcune delle informazioni che Lei stesso ci fornisce, assieme alle informazioni originate dal Suo comportamento nei pagamenti riguardo al finanziamento che Le concederemo potranno essere comunicate periodicamente ai Sistemi di informazioni creditizie 1 . Ciò significa che i soggetti appartenenti alle categorie menzionate, a cui Lei chiederà un finanziamento potranno sapere se Lei ha presentato a noi una richiesta e se paga regolarmente. 

Il trattamento e la comunicazione dei Suoi dati è un requisito necessario per la conclusione del contratto. Senza questi dati potrebbe non esserLe concesso il finanziamento richiesto.

La conservazione di queste informazioni da parte delle banche dati viene effettuata sulla base del legittimo interesse del titolare del trattamento a consultare i SIC.

Trattamento effettuato da BCC CreditoConsumo

I Suoi dati non verranno da noi trasferiti ad un paese terzo extra UE o a un'organizzazione internazionale. Per ulteriori informazioni relative al trattamento e per ogni richiesta riguardante i Suoi dati personali consultare la pagina Privacy.

Trattamento effettuato dal Gestore dei SIC

Al fine di meglio valutare il rischio creditizio, ne comunichiamo alcuni (dati anagrafici, anche della persona eventualmente coobbligata, tipologia del contratto, importo del credito, modalità di rimborso) ai sistemi di informazioni creditizie, i quali sono regolati, allo stato, dal relativo Codice di condotta e che rivestono la qualifica di titolare del trattamento. I dati sono resi accessibili anche ai diversi soggetti privati appartenenti alle categorie che troverà nelle informative fornite dai gestori dei SIC, disponibili attraverso i canali di seguito elencati. 

I dati che La riguardano sono aggiornati periodicamente con informazioni acquisite nel corso del rapporto (andamento dei pagamenti, esposizione debitoria residuale, stato del rapporto).

Nell'ambito dei sistemi di informazioni creditizie, i Suoi dati saranno trattati secondo modalità di organizzazione, raffronto ed elaborazione strettamente indispensabili per perseguire le finalità sopra descritte.

I Suoi dati sono oggetto di particolari elaborazioni statistiche al fine di attribuirLe un giudizio sintetico o un punteggio sul Suo grado di affidabilità e solvibilità (cd. credit scoring) tenendo conto delle seguenti principali tipologie di fattori: numero e caratteristiche dei rapporti di credito in essere, andamento e storia dei pagamenti dei rapporti in essere o estinti, eventuale presenza e caratteristiche delle nuove richieste di credito, storia dei rapporti di credito estinti. Alcune informazioni aggiuntive possono esserLe fornite in caso di mancato accoglimento di una richiesta di credito.

I sistemi di informazioni creditizie cui noi aderiamo sono gestiti da: 

  • CRIF S.p.A. (Centrale Rischi Finanziari)
    Ufficio Relazioni con il Pubblico
    Via Zanardi 41 - 40131 Bologna
    Tel. 0516458900, Fax 0516458940
    Sito internet: www.consumatori.crif.com
  • CTC (Consorzio Tutela del Credito)
    Corso Italia 17, 20122 Milano 
    Tel. 0266710235-29, Fax 0267479250
    Sito internet: www.ctconline.it


​Lei ha diritto di accedere in ogni momento ai dati che La riguardano. Si rivolga ai gestori dei sistemi di informazioni creditizie, ai recapiti sopra indicati, oppure alla nostra società scrivendo a:

Allo stesso modo può richiedere la correzione, l'aggiornamento o l'integrazione dei dati inesatti o incompleti, ovvero la cancellazione o il blocco per quelli trattati in violazione di legge, o ancora opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi da evidenziare nella richiesta (artt. da 15 a 22 del Regolamento UE; escluso art.20).

La conservazione dei dati

I tempi di conservazione dei dati sono stati stabiliti dal codice di deontologia e buona condotta e sono organizzati secondo tempi diversi:

 

​RICHIESTE DI FINANZIAMENTO 6 mesi, qualora l'istruttoria lo richieda, o 3 mesi in caso di rifiuto della richiesta o rinuncia alla stessa

​MOROSITÀ DI DUE RATE O DI DUE MESI POI SANATE

12 mesi dalla regolazione

​RITARDI SUPERIORI SANATI ANCHE SU TRANSAZIONE

24 mesi dalla regolazione
EVENTI NEGATIVI (OSSIA MOROSITÀ, GRAVI INADEMPIMENTI, SOFFERENZE) NON SANATI
36 mesi dalla data di scadenza contrattuale del rapporto o dalla data in cui è risultato necessario l’ultimo aggiornamento (in caso di successivi accordi o altri eventi rilevanti in relazione al rimborso). Il termine massimo di conservazione
dei dati relativi a inadempimenti non successivamente regolarizzati - fermo restando il termine «normale» di riferimento di trentasei mesi dalla scadenza contrattuale o dalla cessazione del rapporto di cui all’allegato 2, punto 5 del Codice di condotta -, non può comunque mai superare - all’eventuale verificarsi delle altre ipotesi previste dal citato punto 5 del Codice di condotta - i cinque anni dalla data di scadenza del rapporto, quale risulta dal contratto di finanziamento

RAPPORTI CHE SI SONO SVOLTI POSITIVAMENTE (SENZA RITARDI O ALTRI EVENTI NEGATIVI)

60 mesi dalla data di cessazione del rapporto o di scadenza del contratto, ovvero dal primo aggiornamento effettuato nel mese successivo a tali date (in caso di compresenza di rapporti con eventi positivi e di altri rapporti con eventi negativi non regolarizzati, si applica il termine di conservazione previsto per i rapporti con eventi negativi non sanati).


1
Tali dati, nei limiti delle prescrizioni del Garante, appartengono alle seguenti categorie:
a) dati anagrafici, codice fiscale o partita Iva;
b) dati relativi alla richiesta/rapporto, descrittivi, in particolare, della tipologia di contratto, dell'importo, delle modalità di rimborso/pagamento e dello stato della richiesta o dell'esecuzione del contratto;
c) dati di tipo contabile, relativi ai pagamenti, al loro andamento periodico, all'esposizione debitoria anche residua e alla sintesi dello stato contabile del rapporto;
d) dati relativi ad attività di recupero o contenziose, alla cessione del credito o a eccezionali vicende che incidono sulla situazione soggettiva o patrimoniale di imprese, persone giuridiche o altri enti.

Torna su