​​Il D. Lgs. n. 231 del 2001 (nel seguito il “Decreto”), recante la disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, ha introdotto nel nostro ordinamento il regime di responsabilità a carico degli enti collettivi per illecito dipendente da reato. La responsabilità per illecito è imputabile direttamente all’ente collettivo in ragione del fatto che, se un suo esponente aziendale e/o dipendente ha potuto realizzare un comportamento delittuoso nell’interesse/vantaggio dell’ente stesso, ciò è stato possibile a causa dell’esistenza di un “deficit organizzativo” del quale l’ente dovrà rispondere. Il Decreto introduce un impianto sanzionatorio particolarmente afflittivo: all’ente è irrogabile una sanzione di natura pecuniaria, oltre che la confisca del profitto del reato e l’eventuale pubblicazione della sentenza di condanna. Per i reati più gravi o reiterati, il giudice può irrogare (cumulativamente) anche una sanzione interdittiva che può condizionare o finanche inibire la prosecuzione dell’attività.

La responsabilità amministrativa dell’ente collettivo è, in ogni caso, esclusa ove l’autore del reato abbia agito nell’esclusivo interesse proprio o di terzi.

Il Decreto sancisce che l’adozione ante reato di un Modello di organizzazione e gestione penal-preventivo, del quale venga accertata l’adeguatezza ed effettività dal giudice penale post-factum, può comportare da parte di questi la concessione del beneficio d’esimente da responsabilità dell’ente collettivo, e ciò sebbene un reato sia stato effettivamente realizzato. A tal fine, assume particolare rilievo la circostanza che il Modello adottato sia “calibrato” sui caratteri peculiari dell’ente; ciò presuppone la mappatura dei processi aziendali, con particolare riferimento alle attività “sensibili” (nelle quali si potrebbe configurare, sia pure in linea teorica, il rischio della commissione di uno dei reati di cui al c.d. “catalogo” 231/01), con l’obiettivo di assicurare l’aderenza del Modello, in tutte le sue componenti, al sistema di “governance” e ai processi dell’ente.

BCC CreditoConsumo S.p.A., sensibile alla materia della responsabilità amministrativa degli enti, ha adottato un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo che si articola, tra gli altri, nei seguenti documenti:


  • PROTOCOLLI COMPORTAMENTALI PARTE GENERALE: illustrano i contenuti del Decreto, l’articolazione dei componenti del MOG, nonché fissano i generali principi di comportamento cui sono assoggettati tutti gli Esponenti aziendali e Collaboratori operanti nel/per l’ente collettivo (sia in posizione apicale, che subordinata;
  • PROTOCOLLI COMPORTAMENTALI PARTE SPECIALE: i Protocolli Speciali definiscono i presidi special-preventivi e le peculiari regole di comportamento cui sono assoggettati coloro i quali operano nelle aree aziendali “mappate” come “sensibili”, essendo gestori dei processi ritenuti potenzialmente criminogeni e, quindi, potenziali autori dei reati censiti a rischio di verificazione;
  • SISTEMA DISCIPLINARE​: BCC CreditoConsumo S.p.A. ha adottato un Sistema Disciplinare parte integrante del Modello Organizzativo ai sensi del D. Lgs. 231/01, che definisce la procedura di contestazione dell’addebito, di conduzione della fase istruttoria, nonché di irrogazione all’autore della violazione di misure disciplinari congrue ed efficaci, nel rispetto delle norme previste dalla contrattazione collettiva nazionale, nonché dalle leggi e regolamenti vigenti.

E’ parte integrante del Modello anche il Codice Etico di Gruppo, che costituisce un elemento essenziale del sistema di controllo preventivo, il quale contiene principi etici rilevanti ai fini della prevenzione dei reati di cui al D.Lgs. 231/01.

Il D. Lgs. n.231 del 2001 prevede l'istituzione di un Organismo di Vigilanza interno all'ente, dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo, cui è assegnato specificamente il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza del Modello di organizzazione e di gestione.

L’Organismo di Vigilanza è reperibile ai seguenti recapiti:


  • casella di posta elettronica dell’Organismo di Vigilanza: organismo231@bcccreco.bcc.it
  • Organismo di Vigilanza di BCC CreditoConsumo S.p.A., Via Lucrezia Romana n. 41/47, 00178 Roma (RM)

Gli Organi Aziendali e i soggetti interni ed esterni a BCC CreditoConsumo S.p.A. (destinatari del Modello) possono effettuare le segnalazioni di cui all’art. 6 del Decreto (tra le quali quelle relative a violazioni del Modello di organizzazione e di gestione) tramite gli appositi canali whistleblowing istituiti.

BCC CreditoConsumo S.p.A. garantisce i segnalanti, qualunque sia il canale utilizzato, da qualsiasi forma di ritorsione e discriminazione assicurando in ogni caso la massima riservatezza circa la loro identità, fatti salvi gli obblighi di legge.